A scuola col PDA parte II

Eccoci qui, come promesso ecco la seconda infografica più specifica per lavorare a scuola con bambini PDA.

Queste sono solo note generiche che si adattano a tutti i bambini PDA, ma ricordatevi che, se il vostro bambino ha PDA e anche altre patologie, alcune startegie per le altre patologie potrebbero ovviamente funzionare.

Alla base di tutto c'è l'ascolto multisensoriale del bambino. Guardatelo, ascoltatelo, percepite le vibrazioni che emana. Anche, e soprattutto quando non parla, la sua postura, la direzione dello sguardo, le mani, la chiusura o apertura del corpo, il modo in cui respira, vi stanno dicendo se siete sulla strada giusta.

Mio figlio durante il cortissimo anno e mezzo che ha passato a scuola è stato chiuso da solo dentro stanze non adatte e piene di oggetti pericolosi, fisicamente bloccato e costretto a sedersi in terra perché smettesse di picchiare e scalciare, gli è stato urlato addosso di smettere, che era troppo monello, non come gli altri bambini.

E di tutte le perosne che hanno mai cercato di gestirlo, nessuno è mai riuscito a rendersi conto che in quel momento lui fosse nel panico più cieco.

Se solo avessero guardato e ascoltato un pò meglio PRIMA di farlo arrivare al livello di esplosione atomica, forse lui adesso non avrebbe tutto questo rifiuto a tornare a scuola.

Rifiuto radicato al punto che, dopo un anno, ancora diventa rigido e nervoso quando passiamo davanti alla sua ultima scuola.

Spero tanto che l'infografica vi sia utile, come al solito i commenti sono benvenuti!

#meltdown #genitori #PDA #inclusion #problemisensoriali #scuolainclusiva #iperattività #capricci #bambiniautistici #integrazione #pathologicaldemandavoidance #sindromedaevitamentoestremodellerichieste #AHD #esseregenitori #pda #scuola #ADHD #asperger #autismo

Un Po' Su di me...

Perché ho deciso di iniziare questo blog...

Featured Posts
Posts are coming soon
Stay tuned...
Recent Posts