Ansia e problemi sensoriali


I problemi sensoriali e l'ansia a livelli stratosferici, amici di sempre.

Come vi ci relazionate voi? I vostri bambini li hanno? Lievi? Forti?

Con il PDA, i problemi sensoriali sono sempre un problema. C'è sempre troppa puzza, troppo caldo, troppa luce, etc. E putroppo, non è un capriccio. È una realtà fastidiosa al limite del dolore con sui non c'è modo di scendere a compromessi.

Non può essere ignorata, non si può dire 'resisti che adesso la puzza passa'. Anzi, casomai diventa peggio.

Sempre peggio. Il rumore e le luci diventano così insopportabili da generare meltdown, gli odori provocano il vomito.

Questo è un video fatto per spiegare cosa sembra 'andare al supermercato' per una persona con problemi sensoriali.

All'inizio, dovete alzare il volume fino a che sentite il ticchettìo dell'orologio forte e chiaro.

NON BARATE.

Dopo aver visto questo, io non porto più mio figlio al supermercato o nei negozi se non me lo chiede lui. Io mi sentivo male al secondo 20. VOI?

La scorsa settimana mi sono imbattuta nel blog di questa mamma che spiega benissimo il circolo ansia-problemi sensoriali.

In molti mi avete chiesto di tradurlo, perciò eccolo qui:

Scrive Inés Lawlor:

"Mi chiedono spesso se i problemi sensoriali siano legati a/possano creare ansia nei bambini. Per ciò che io capisco di questo argomento, (che è poi il modo in cui lo spiego nei miei workshops), funziona così:

se sei più sensibile alle sensazioni, l'ambiente intorno a te può - e di solito lo fa- causati ansia.

Anche se lo stress è sensoriale (per esempio, troppo chiasso), la reazione che tu 'senti' è emozionale (per esempio, sentirti irritabile ansioso, triste o arrabbiato)

Quando ti senti emozionale, il tuo livello di sopportazione delle sensazioni è più basso (in andiate parole puoi tollerare meno sensazioni).

Ricordate a voi stessi una situazione stressante (per esempio mentre aspettate dei risultati di analisi ospedaliere), come tolleravate le persone che vi parlavano, gli odori, la sensazione dei vostri vestiti sulla pelle?

Perciò, perché siete meno tolleranti alle sensazioni, (o anche più sensibili alle sensazioni), le vostre esperienze sensoriali nell'ambiente potrebbero causare più stress - che vi riporta alla situazione di partenza.

Quindi io lo vedo come un ciclo, ansia che porta sensibilità sensoriale, che porta ansia, che porta sensibilità sensoriale, etc.

Se il problema che porta stress sensoriale è ripetuto (come qualcosa che è parte della routine giornaliera, per esempio lavarsi i denti), la persona sarà ansiosa per anticipazione dell'evento, la sua sensibilità sarà più alta, rendendo l'esperienza peggiore e innalzando l'ansia la prossima volta!

Per questo motivo, le strategie di gestione dell'ansia (per esempio la respirazione), possono essere utili per diminuire la sensibilità sensoriale.

Qualunque cosa riduca l'ansia (come una scheda visiva, o il cambiare l'ambiente) aiuterà la persona a tollerare un po' di più l'esperienza sensoriale.

Su questo link (in inglese) ci sono alcune idee per gestire i problemi sensoriali che causano ansia. (Nota di Francesca per i lettori italiani: ho rielaborato Il contenuto del link nell'infografica in calce)

http://special-ism.com/is-it-anxiety-or-a-sensory-issue/

Strategie per genitori in genere possono anche essere d'aiuto nel tenere tutti calmi in tempo di overload sensoriale - seguite il link! (In inglese -Nota di Francesca per i lettori italiani: infografica sulle tecniche per rimanere calmi durante un meltdown in preparazione! )

http://www.solutiontalk.ie/ "

E voi come vi relazionate ai problemi sensoriali e conseguente ansia dei vostri bambini?

Noi evitiamo i negozi, niente doccia, solo bagno, non mangiamo cibi che gli danno fastidio davanti a lui, limitiamo le luci forti, niente rumori forti o continui.

Nel frattempo, la prima tutor Rocío lavora ad una terapia sensoriale di 'laboratorio scientifico' in cui Roberto lavora con consistenze e odori atraverso il cibo, e sta decisamente diventando piuù tollerante ad avere certi cibi nella stanza,alcuni li tocca additittura, o chiede di assaggiarli!

Piccoli grandi successi!

Li'infografica qui sotto, che trovate anche CLICCANDO QUI è il sunto del link a cui Inés fa riferimento nel suo blog a proposito delle strategie per calmare l'ansia sensoriale, come al solito mi fa piacere ricevere i vostri commenti e le vostre opinioni!

Baci

Fra

#ansia #problemisensoriali #autismo #bambiniautistici #meltdown #crisisensoriali #sensibilità #stimolisnesoriali #overloadsensoriale #strategieperlansianeibambini #ansianeibambini #bambiniansiosi

Un Po' Su di me...

Perché ho deciso di iniziare questo blog...

Featured Posts
Posts Are Coming Soon
Stay tuned...
Recent Posts
Search By Tags
No tags yet.